Alla scoperta del biodigestore

a cura di Sofia Sacchetti, Giorgio Longo, Cristina Billardello-

“Il 10 ottobre 2019, alcuni ragazzi dell’Istituto Alberghiero “G.de Carolis” sono stati in visita, a Foligno- località Casone- all’impianto Biometano che produce biometano e compost di qualità dalla digestione anaerobica e della Frazione Organica Umida (FOU).
Il progetto è nato con l’obiettivo di sostituire il preesistente impianto di compostaggio aerobico, con un impianto più avanzato.  L’impianto è attivo da giugno 2018.
La produzione di biometano offre diversi vantaggi, soprattutto permette di recuperare energia dai rifiuti ed evitare la dispersione di metano nell’atmosfera e questo non solo a Foligno.
Asja -Ambiente Italia, dal 1995, costruisce e gestisce impianti tecnologicamente avanzati per la produzione di energia elettrica e biometano da fonti rinnovabili. Questa giornata – conclude Sofia -è stata molto costruttiva per noi alunni: abbiamo capito che siamo noi a dover far qualcosa per cambiare il destino del nostro pianeta!”.

“Non pensavo- dice Giorgio – che una visita ad un’azienda che produce biometano e fertilizzante in modo rinnovabile, usando i rifiuti organici che tutti i giorni noi buttiamo, potesse essere interessante e anche divertente soprattutto quando, noi del I anno, abbiamo giocato a vero o falso contro le II!

Da questa uscita ho capito molte cose, ad esempio, che l’unione fa la forza, infatti, se tutte le aziende di energia non rinnovabile si convertissero in aziende di energia rinnovabile, il mondo potrebbe veramente cambiare. Mi è veramente piaciuta questa esperienza e spero che sia la prima di una lunga serie”.

” Tutte le classi- suggerisce Cristina– dovrebbero effettuare la visita al biodigestore! La visita, più di tante parole, mi ha fatto capire soprattutto che dobbiamo rispettare l’ambiente, iniziando anche a non gettare rifiuti per terra e a fare la raccolta differenziata. Questi sono piccoli gesti, ma fatti da ognuno di noi quotidianamente, servono a farci vivere meglio!”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*