Con i Professionali si lavora !

di Paolo Ciri (ha collaborato la Prof.ssa Roberta Galassi)-

Entro il 31 gennaio i ragazzi e le ragazze della terza media dovranno iscriversi alle superiori, e quindi effettuare la “scelta per la vita” !

Il prestigioso quotidiano economico “il Sole 24 Ore”, in questa ottica, ha pubblicato un interessante e documentato articolo, a firma Eugenio Bruno e Claudio Tucci, che analizza i dati di “www.Eduscopio.it”, un sito della altrettanto prestigiosa Fondazione Agnelli.

Vi si trovano, tra l’altro, le percentuali di occupati post diploma. Più precisamente quante persone hanno lavorato nei due anni successivi al diploma, escludendo, ovviamente, la quota di coloro che si sono iscritti all’ università.

Per quanto attiene alla nostra regione, risulta che gli Istituti Professionali e Tecnici occupano, nei due anni, tra il 50% ed il 70% dei loro diplomati. Nel dettaglio: Tecnico Tecnologico 50,5%, Tecnico Economico, 52,60%, Professionale Industria 70,5%, Professionale Servizi (noi) 55,1%.

E’ appena il caso di sottolineare che la scelta dei professionali e tecnici non è però volta soltanto alle prospettive lavorative, ma conferisce comunque una solida cultura generale, perché si studiano comunque tutte le materie.

Anzi, da noi, ci sono talmente tante materie che dal lunedì al venerdì si tengono 6 ore di lezione al giorno, non 4 o 5. Ne consegue che il diplomato avrà comunque una cultura generale tale da porlo in posizione di parità in ogni ambito sociale, e, non di meno, una preparazione talmente variegata da consentirgli di affrontare senza timore qualunque corso universitario, come fanno, in verità, molti dei nostri diplomati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*