Eccellenza confermata!

di Roberta Galassi-
PRIMI in Umbria per coerenza tra profilo formativo e occupazione a due anni dal Diploma!
L’indagine EDUSCOPIO* mostra che, nel nostro Istituto, la percentuale di diplomati che a 2 anni dal diploma lavorano e hanno una qualifica professionale perfettamente in linea con il titolo di studio conseguito, è del 70,4%, dato che testimonia l’eccellenza della preparazione offerta dal “De Carolis” di Spoleto e a cui si sommano ulteriori evidenze; il Report finale del Progetto Erasmus+ appena concluso illustra le altissime percentuali di Studenti a cui è stato proposto un posto di lavoro all’estero, e il monitoraggio effettuato dalla scuola medesima conferma che gli Allievi, subito dopo il diploma vengono assunti, non soltanto in Umbria o in Italia, ma anche all’estero. Se aggiungiamo il 10% di Studenti che si immatricolano all’Università, emerge chiaramente il profilo di una scuola di eccellenza, capace non solo di preparare tecnicamente i propri Allievi, ma anche di assicurare una preparazione culturale di base in grado di sostenere le scelte dei ragazzi che invece vogliono proseguire gli studi in ambito universitario.

__________________________________________________________________

*Eduscopio.it, progetto della Fondazione Giovanni Agnelli, analizza e descrive per ogni scuola tecnica e/o professionale le destinazioni (lavoro, formazione universitaria, altro) dei propri diplomati, i tempi di attesa per l’accesso al primo impiego significativo, la coerenza tra le qualifiche, gli inquadramenti professionali e le mansioni esercitate nonché il titolo di studio conseguito. Ma è in grado di dare numerose altre informazioni preziose. Ad esempio, può dire se i diplomati di una scuola hanno accesso a occupazioni più o meno stabili (contratti a tempo determinato/indeterminato), qual è la quota di lavori saltuari (contratti di pochi giorni) rispetto a quelli significativi (almeno 1 mese), quanti sono coloro che lavorano ma studiano anche all’università, quanto lontano da casa trovano lavoro i diplomati.
Per valutarne gli esiti lavorativi ci si basa su tre fonti principali.
La prima è l’Anagrafe delle Scuole del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Da questo archivio si traggono le informazioni necessarie ad identificare le scuole secondarie di II grado operanti sul territorio italiano (statali e paritarie).
La seconda è l’Anagrafe Nazionale degli Studenti (ANS) del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, dalla quale vengono tratte le informazioni sugli studenti che hanno conseguito un diploma in una scuola statale o paritaria.
La terza fonte di informazione è rappresentata dai dati del Sistema Informativo Statistico delle Comunicazioni Obbligatorie (SISCO) curato dalla Direzione Generale dei Sistemi Informativi, dell’Innovazione Tecnologica e della Comunicazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (MLPS), le quali descrivono per ogni lavoratore dipendente i principali eventi che ne caratterizzano la carriera lavorativa. Tali fonti non considerano coloro che sono occupati all’estero e che nel nostro Istituto sono una percentuale consistente. L’orizzonte temporale dei 2 anni successivi al diploma è stato scelto in considerazione del fatto che, per questioni congiunturali e strutturali, negli ultimi anni i periodi di disoccupazione possono essere molto lunghi, soprattutto per i giovani alle prime esperienze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*