Nel mondo delle eccellenze con la slow school.

Valentina Pennacchio, Alessandro Mandolini, Enzo Lucidi, Andrea Martoglio

Hotel Ambasciatori Palace, in via Veneto e, in via Sistina, Intercontinental De La Ville sono stati, per un giorno le “aule romane”  per le classi terze quarte e quinte del corso di Accoglienza Turistica e  per gli alunni del corso d’eccellenza “Accipe Dulcis”- slow school delle classi seconde dell’Ipssart “G. De Carolis” di Spoleto. All’hotel Ambasciatori Palace, gli studenti sono stati accolti con estrema disponibilità da Enzo Lucidi, primo portiere, che ha spiegato la difficile gavetta che attende chi vuole affermarsi in questo settore, ripagata però da altrettante soddisfazioni. Valentina Pennacchio, Assistant Resident Manager, ha, poi, fatto scoprire al gruppo  alcune sale polifunzionali importanti dell’hotel, le sue camere più belle (suites), illustrando la disponibilità e le caratteristiche dei servizi dell’hotel, mentre il Resident Manager, Alessandro Mandolini, ha regalato ad ognuno un depliant dell’albergo e una guida turistica di Roma. Al momento del commiato,  i ragazzi, insieme al Prof. Martoglio, hanno donato allo staff dell’albergo la targa della scuola come “riconoscimento di alta professionalità ed esempio”. Lasciata via Veneto, a due passi da Piazza di Spagna, i ragazzi  hanno varcato il portone di un altro “tempio del lusso”, l’hotel Intercontinental De La Ville, dove ad accoglierli nella bellissima hall vi era il Direttore delle Risorse Umane, Sergio Gabrielli. Hanno, quindi, avuto l’opportunità di visitare la suite più grande e più richiesta, la camera più costosa dell’ hotel con un balcone che si affaccia su una vista mozzafiato e meravigliosa dei tetti, dei  monumenti, dei campanili e “cuppoloni” della Città Eterna. Come ringraziamento per la lezione di alta professionalità, il gruppo ha consegnato la targa della scuola . La giornata è poi proseguita con una passeggiata  nel centro di Roma. Giornate come queste, frequenti per i ragazzi dell’Accoglienza Turistica e, in particolare da quest’anno, per il corso “Accipe dulcis”, rappresentano un’ importante esperienza per avvicinare  i ragazzi alla dimensione alberghiera della metropoli  di vocazione internazionale e con grandi professionisti. Il bilancio è stato molto positivo, i ragazzi hanno apprezzato la visita, ascoltato con interesse e attenzione le storie e i pareri di persone esperte e affermate professionalmente. La speranza è di poter presto svolgere di nuovo “lezioni”  di questo genere, dove i particolari non sono dettagli. 

Sergio Gabrielli, Andrea Martoglio

I commenti sono chiusi