Progetto educativo Convitto 2019 /2020

PROGETTO EDUCATIVO
PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA DEL CONVITTO
ANNO SCOLASTICO 2019-2020

In conformità con quanto riportato nelle aree d’intervento previste dal PTOF vengono di seguito descritte le line guida del piano dell’offerta formativa del Convitto per l’anno scolastico 2019-2020.
Il Convitto concorre con l’Istituto Scolastico alla formazione dello studente per una sua completa crescita.
In questo quadro, gli Educatori in stretta collaborazione con la scuola e le famiglie, partecipano al progetto di crescita dei ragazzi offrendo loro un supporto educativo e formativo, attraverso tutte quelle attività che integrano l’ambito scolastico e curricolare.
Nella programmazione annuale, il Collegio degli Educatori elabora un piano delle attività educative i cui criteri di attivazione sono di seguito riportati:
o significatività rispetto ai bisogni del Convittori, nella pluralità delle dimensioni personali (cognitivi, relazionali, sociali, motori);
o capacità di sviluppare competenze, sia tecnico-professionali sia disciplinari che trasversali;
o coerenza delle attività proposte rispetto agli obiettivi formativi prioritari indicati nel PTOF d’Istituto;
o esplicita connessione con il Piano di Miglioramento;
o significatività ai fini dell’orientamento;
o sostenibilità gestionale-didattica;
o sostenibilità finanziaria;
o livello di gradimento riscontrato al termine dell’a.s. precedente (se trattasi di attività già scolte).
Le attività sono quindi rivolte principalmente al raggiungimento dell’organico sviluppo culturale, sociale e psico-fisico degli studenti, individuando aree progettuali d’intervento significative indicate nel PTOF, rispetto ai loro bisogni.
3
Le aree individuate sono:
 Area socio-affettiva;
 Area cognitiva;
 Area psicomotoria;
 Area ambiente e territorio. AREA SOCIO AFFETTIVA (punto 4 PTOF) OBIETTIVI:
1. sviluppo della personalità individuale, intesa come presa di coscienza di sé, della realtà circostante e della capacità di accettare se stessi e gli altri, attraverso:  creazione di un clima relazionale di ascolto e accettazione;  educazione alle relazioni interpersonali che si sviluppano all’interno del gruppo;  sviluppo di competenze sociali come mezzo per entrare in contatto con gli altri;  promozione della collaborazione.
2. Educazione alla socialità intesa come:
 acquisizione di un comportamento civilmente e socialmente responsabile nel rispetto degli altri e dell’ambiente attraverso:
 conoscenza e osservanza delle regole fondamentali della vita di gruppo;
 capacità di stabilire rapporti interpersonali di collaborazione, di amicizia e di partecipazione corretta alle attività;
 presa di coscienza della necessità di rispettare le regole di convivenza sociale e civile;
 acquisizione, attraverso la conoscenza dell’altro, del rispetto per le diverse culture attraverso la prevenzione e il contrasto della formazione di stereotipi;
 accettazione della diversità.
4
AREA COGNITIVA (punti 1, 2,3 PTOF) OBIETTIVI:
1. Educazione al lavoro intesa come acquisizione di:
 capacità di programmare il proprio lavoro utilizzando un metodo di studio efficace;
 capacità di organizzarsi per un lavoro sia individuale che di gruppo;
 capacità di svolgere con cura, ordine e senso di responsabilità il proprio lavoro;
 capacità di utilizzare adeguatamente testi e strumenti.
2. Alfabetizzazione alle tecniche e ai media di produzione e diffusione delle immagini attraverso:
 acquisizione delle competenze nella pratica e nella cultura musicali, nell’arte, nel cinema, nelle tecniche e nei media.
 capacità di valorizzare quanto appreso per favorire l’arricchimento personale e per prepararsi ad assumere un ruolo costruttivo nella società.
AREA PSICO-MOTORIA (punto 7 PTOF)
OBIETTIVI:
1. Educazione al rispetto del proprio benessere psico-fisico e ad uno stile di vita sano, attraverso:
 acquisizione di corrette abitudini alimentari ed igieniche, in relazione alla pratica di discipline sportive;
 riconoscimento del valore dell’educazione sportiva come uno strumento efficace per un percorso duraturo;
 comprensione e rispetto delle regole dello sport e del vivere insieme;
 partecipazione ad attività sportive e giochi di gruppo.
5
AREA AMBIENTE E TERRITORIO (PUNTO 5 PTOF) OBIETTIVI
1. sviluppare nei ragazzi comportamenti legati al rispetto dell’ambiente e degli spazi comuni;
2. conoscenza dei livelli di sostenibilità ambientale;
3. riduzione uso di materiali inquinanti comunemente usati;
4. conoscenza del territorio;
Tali obiettivi saranno ricercati mediante:
 interventi di sensibilizzazione sulle tematiche legate alla crisi ambientale in atto e azioni concrete per promuovere all’interno del Convitto la Riduzione, il Riutilizzo, il Riciclo ed il Recupero (regola delle 4R) dei materiali anche nelle attività educative;
 campagne di sensibilizzazione all’uso delle comunicazioni telematiche a dispetto di quelle cartacee;
 riduzione generalizzata dell’utilizzo della plastica a mensa e in tutte le manifestazioni del convitto promuovendo l’utilizzo di materiali compostabili (Convitto plastik free) ed il recupero del residuo organico;
 dotazioni negli uffici e nei piani di contenitori per la raccolta differenziata;
 sensibilizzazione di tutto il personale (ATA e Docente) a comportamenti in stile con gli obiettivi del progetto;
 promozione di una maggiore integrazione con il territorio, come previsto dal PDM, attraverso partecipazioni a manifestazioni in muntain bike, trekking, progetti FAI per le scuole.
6
STRUMENTI DI VERIFICA
Per ogni attività sono previsti in itinere momenti di documentazione e verifica (es. questionari di gradimento, materiale fotografico, presentazioni per il sito web della scuola, etc..).
L’esame della situazione dei gruppi e dei singoli allievi, in relazione alle finalità ed agli obiettivi fissati, sarà svolta periodicamente sulla base dei seguenti indicatori:
• comportamento del gruppo e dei singoli;
• livello di socializzazione;
• conservazione e rispetto delle strutture e dell’ambiente;
• metodo di lavoro ed acquisizione delle abilità operative.
Le aree d’intervento indicate offrono un molteplice ventaglio di possibilità per la definizione delle attività educative da realizzare operativamente, le quali saranno definite anche in base ai risultati ottenuti a seguito della consegna ai convittori di un questionario di conoscenza e scelta.

I commenti sono chiusi