L’Italia con gli occhi di Dante

di Emanuela Valentini Albanelli. Il professor Giulio Ferroni ha condotto l’attento pubblico, in un interessante e avvincente viaggio per la Penisola, toccando i luoghi danteschi. In occasione della videoconferenza organizzata il 13 maggio, dall’Ipseoasc “G. de Carolis” con la prestigiosa collaborazione dell’Adi, il professor Giulio Ferroni, ricalcando le tracce di…

leggi ancora

L’Italia della Cultura: una rete per uno stile italiano

di Emanuela Valentini Albanelli. Prendendo per mano i partecipanti, il 5 maggio, il professor Montanari ha condotto l’attenta platea in un viaggio affascinante in oltre 1000 anni di storia, riflettendo sul concetto d’Italia e la costruzione dell’identità storica. Partendo da Ortensio Lando (1510-1558), nel “Commentario delle più notabili e mostruose…

leggi ancora

Rotary: solidarietà senza frontiere

di Emanuela Valentini Albanelli. Il 30 aprile, alla presenza della Dirigente Scolastica, Roberta Galassi, dell’Assistente del Governatore Avv. Roberto Calai, del Presidente uscente, Dottoressa Candia Marcucci e del Presidente entrante Dott.  Alberto Zualdi, presso i locali del “G.de Carolis”, con una piccola ma simbolicamente intensa cerimonia, il Rotary International, con…

leggi ancora

Il mestiere di storico

*Non capita tutti i giorni di avere per relatori due professori universitari, di Pisa e di Londra, per seguire un’ avvincente indagine storica, dal titolo “Come si diventa nazisti”. “Come si diventa nazisti?” è il titolo e allo stesso tempo la domanda, alla quale Paolo Pezzino e Daniel Lee cercano…

leggi ancora

Auguri donne?

di Angelo Piga. 8 marzo, festa della donna: piovono mimose (vere e virtuali che siano) come fossero coriandoli a carnevale ed auguri in ogni dove. Ormai è abitudine mandarne, è sempre più facile! Smartphone in mano, foto della mimosa dal web, apri w.app e via: auguri a tutte le donne!!!…

leggi ancora

La voce alle/delle donne: Angela Nocera.

di Simone Conticelli. *Per quanto ancora tristemente attuale, il femminicidio non è un’invenzione del XXI secolo, ma affonda le sue radici in una concezione della società estremamente patriarcale, presente da secoli e difficile a morire. La struttura delle organizzazioni mafiose non solo non fa eccezione, ma esaspera queste dinamiche, privando…

leggi ancora