In memoria di Quinto Santarelli

di Paolo Ciri.

Il Comune di Spoleto ha deciso di installare una targa a ricordo della figura di Quinto Santarelli nei pressi dell’Auditorium della Stella (S. Stefano e Tommaso), vicino alla centralissima piazza Garibaldi.

Vogliamo cogliere l’occasione per ricordarlo, perché è stato uno dei nostri Professori, Docente di inglese.

Scomparso nel 2009, Quinto Santarelli era una persona empatica, estroversa, molto nota e benvoluta nella città, uno di quei personaggi, oggi non più individuabili, che davano una identità alla comunità. Infatti studiò anche molto la storia dei luoghi, fino a conseguire la abilitazione regionale come Guida Turistica, professione che esercitò dopo il pensionamento.

Ci ha lasciato anche tre libri: “Vedere Spoleto”, “Voler bene”  e “Racconti di prigionia” , quest’ultimo tratto dalla esperienza bellica, quando fu prigioniero in India, ove apprese i primi rudimenti della lingua inglese.

Nella delibera comunale è specificata la motivazione. “Tale richiesta, formulata dalla figlia del compianto concittadino spoletino, nasce dal desiderio ampiamente condiviso da coloro che lo hanno conosciuto, di dare un segno di riconoscimento al lavoro appassionato e coscienzioso avente sempre, come finalità, la valorizzazione della sua città attraverso grande professionalità e profondo amore.”

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*