Viaggio nel cuore della Costituzione

di Simona Del Bello-
La Costituzione che vorrei!!! Utopia o realtà? E’ la prima domanda svolta dai responsabili dell’incontro tenutosi nell’aula magna dell’Istituto Alberghiero De Carolis di Spoleto, nell’ambito del progetto “Cittadinanza e Costiutuzione”: “Insieme per una società consapevole”.
Una tavola rotonda, che ha visto la presenza di autorevoli esperti del settore, come il giudice Giovanni Borsini , Paola Morlupo, avvocato, nonché presidente dell’associazione Scientia Iuris e Miki Russo, giornalista e membro del CD ADA Umbria. A salutare gli ospiti anche la prof.ssa Roberta Galassi, Dirigente dell’Istituto Alberghiero di Spoleto. Inoltre, all’incontro erano presenti due giovani studentesse, diplomatesi lo scorso anno, che hanno mostrato agli alunni del quinto Sala A,B,C, dell’Alberghiero, alcuni video, relativi ai vari articoli della Costituzione presi in esame, per contribuire all’offerta formativa del dialogo che si è aperto dopo le prime spiegazioni ad opera del giudice Borsini e della presidente, l’avvocato Paola Morlupo.
In particolare si è dialogato relativamente all’articolo 3 della Costituzione, che cita: “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”. L’idea è quella che tutti gli studenti, siano parte attiva di questo progetto che coinvolge ben 40 classi delle scuole superiori umbre e degli eventi che l’associazione sta organizzando. L’idea è quella di creare per fine maggio un lavoro che abbia come obiettivo quello di proporre una Costituzione, quella che i giovani vorrebbero. Gli alunni presenti hanno espresso in maniera entusiasta le loro idee, abbozzando già l’idea della Costituzione che desidererebbero. A maggio saranno scelte ben 7 classi che proporranno i loro lavori e saranno premiate. Inoltre, uno studente per classe sarà scelto per recarsi sempre entro il mese di maggio, a Roma, per effettuare una visita alla Corte dei Conti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*